FRANCESCA GRISENTIClasse 1982. Attrice e danzatrice laureata in filosofia con indirizzo antropologico.

Inizia a studiare danza da bambina, per poi avvicinarsi ancora molto giovane al mondo del teatro, dando così inizio ad una formazione che proseguirà sempre su due linee parallele. Si forma a “bottega” iniziando a lavorare molto giovane, e seguendo regolarmente laboratori teatrali in giro per l’Italia e l’Europa. Tra le figure che più l’hanno influenzata ricorda Remondi e Caporossi, Tapa Sudana, Josè Sanchis Sinisterra, Cèsar Brie, Karina Arutyunyan, figure che continuano a ricordarle l’importanza di saper tenere gli occhi aperti sul teatro ma anche sulla vita.

Studia danza contemporanea presso la Scuola di Danza Compagnia Era Acquario diretta da Lucia Perego, con cui collabora anche come attrice-danzatrice in alcune produzioni, tra cui i recenti “Sentiero dell’Immaginario”,Sentiero di guerra” e “Il fabbricante di cuori. Una piccola storia d’amore”.

Da più di dieci anni collabora con la compagnia teatrale Cà Luogo d’Arte diretta da Maurizio Bercini. Con Cà Luogo d’Arte partecipa alla produzione degli spettacoli: “La mia valle”, “Incontri con animali straordinari. La Gallina”, “Mani in Pasta”, “Scarpette Rosse”,”Storie Fruttuose”, ”Pik Badaluk. Una favola in musica”, “La Diritta Via”, “Un Canto di Natale”, “Unpopiuinlà”, “Dentro di me”. Spettacoli rappresentati sia in Italia che all’estero, in lingua italiana e francese. Da un paio di anni porta avanti in parallelo anche un lavoro personale di ricerca di narrazione e movimento, con cui realizza assieme al musicista Nicholas Forlani la narrazione in musica “I musicanti di Brema” .

In parallelo al lavoro da attrice porta avanti anche una ricerca di pedagogia teatrale e  espressività corporea, con particolare attenzione alla fascia dell’infanzia. Collabora infatti con Asili Nidi, Scuole Materne, Elementari, ma anche Medie Inferiori e Superiori e con progetti di formazione per adulti.

Dalla “ricerca sul campo” effettuata proprio con e attraverso i bambini assieme all’attrice e pedagoga Consuelo Ghiretti nel 2017 da vita al “Progetto g.g.” che porterà alla realizzazione dello spettacolo “Valentina Vuole”.

Diplomatasi all’Accademia del Doppiaggio diretta da Pedicini e Insante come doppiatrice prestato la voce ad alcuni cartoni animati della  Yamato.

Pratica l’aikishinatiso, una pratica posturale legata all’aikido e nei ritagli di tempo studia la fisarmonica.