Nel 2012 il progetto Teatro e Legalità di NoveTeatro vince il Bando della Regione Emilia Romagna di cui alla L.R. n° 3/2011 art.3 “Misure per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile, a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso”. Da allora NoveTeatro è diventato protagonista di una grande azione di sensibilizzazione a tematiche d’interesse sociale, ovviamente attraverso il linguaggio teatrale.

Attraverso reading e conferenze spettacolo – in serale o in matinée per le scuole – NoveTeatro riflette sul valore della legalità, analizza un fenomeno – quello della criminalità organizzata – sempre più diffuso e radicato anche nel Nord Italia, fa memoria e racconta la storia di chi ha perso la vita per etica e senso civico. Protagonisti sono importanti personalità della lotta alle mafie come Salvatore BorsellinoGiovanni ImpastatoSabina GuzzantiLuigi Lo Cascio.

Teatro e Legalità negli anni ha visto il patrocinio della Provincia di Reggio Emilia e del Comune di Novellara, il contributo del Comune di CasalgrandeCastelnovo di SottoFabbricoGuastallaLuzzaraMontecchio EmiliaReggio EmiliaSan Martino in RioScandiano e Coop Consumatori Nordest e la collaborazione con realtà quali Casa Memoria Peppino e Felicia ImpastatoFondazione Giuseppe FavaMovimento Agende RosseAlleanza reggiana contro le mafie. 

Nel 2017 NoveTeatro ha portato avanti alcuni degli eventi prodotti negli anni procedenti: avendo per anni lavorato su questa tematica di teatro civile molte amministrazioni comunali ed enti interessati alla causa continuano a contattarci per realizzare conferenze spettacolo sulla legalità.

Nel 2018 abbiamo in calendario i seguenti appuntamenti:

Conferenza-spettacolo “Una strage semplice” con Nando dalla Chiesa

Questa conferenza – spettacolo prende spunto dall’ultimo libro scritto dal professor Nando dalla Chiesa “Una strage semplice”, edito da Melampo e uscito quest’anno in occasione del 25° anniversario della strage di Capaci. Il libro racconta appunto Capaci e la sua continuazione, via D’Amelio. Ricostruisce il contesto in cui tutto accadde. Dipinge «due Italie all’apparenza lontane e segretamente vicine. Quella che portò a morte prima Giovanni Falcone e poi Paolo Borsellino – scrive infatti Nando dalla Chiesa – fu una strage semplice, frutto di una logica lineare, che vide convergere Sud e Nord, economia e politica». Alla base «l’incubo che il giudice più odiato di Cosa Nostra potesse guidare una struttura nazionale di indagini e colpire i crescenti rapporti tra gruppi imprenditoriali e capitalismo mafioso, tra mafia e appalti, tra criminalità finanziaria e complicità politiche».
Il professor Nando dalla Chiesa sarà intervistato dal regista di NoveTeatro Domenico Ammendola. Sarà proiettato un estratto del film-documentario diretto da Marco Turco “In un altro paese”, che esamina il rapporto tra la mafia siciliana e lo Stato italiano negli anni della prima repubblica, verranno quindi letti alcuni brani dal libro “Una strage semplice”.

Inoltre svolgeremo un nuovo progetto in collaborazione con Coop Alleanza 3.0, mettendo in rete diversi Comuni della provincia.

Sempre nel corso del 2018 verranno realizzate nuove repliche delle iniziative con Giovanni Impastato, “Mio fratello Peppino” e “Mia madre Felicia”.

Consulta i progetti delle scorse edizioni