Teatro Pedrazzoli: ecco la nuova stagione 16.17

FabbricoTeatro 16.17
Da Stefano Pesce a Vito, passando per il capolavoro di Baricco e un omaggio a Shakespeare
Scopri il cartellone

E’ la drammaturgia contemporanea, in particolare italiana, il filo conduttore della stagione di prosa che NoveTeatro ha preparato per il comunale “Pedrazzoli” di Fabbrico: otto spettacoli che, a eccezione di un omaggio a Shakespeare, sono stati tutti scritti negli ultimi 25 anni, da “Kaddish per il bambino non nato“, del Nobel ungherese Imre Kertesz, al capolavoro di Baricco “Novecento”, passando per i testi di alcuni autori emiliani, come ”Il vento in faccia” di Favella, “Crisi” di Pesce e “Storie della Bassa” con Vito.

Stagione Pedrazzoli 2016/2017

Stagione Pedrazzoli 2016/2017

« E’ un cartellone coerente con la nostra idea di teatro », spiega l’attore e regista Gabriele Tesauri, Direttore artistico della compagnia che dal febbraio scorso ha in gestione la storica sala fabbricese: « autori e testi del nostro tempo, con particolare attenzione all’impegno civile e sociale, senza rinunciare a una comicità intelligente. E abbiamo chiamato questa proposta “Fabbrico teatro” per richiamare il senso della fattura artigianale di questi allestimenti, molti dei quali “fatti” da giovani autori e giovani interpreti. »

La stagione sarà aperta il 30 settembre con la prima delle produzioni di NoveTeatro: “Il vento in faccia”, il romanzo dello sceneggiatore correggese Lorenzo Favella, adattato per la scena dallo stesso Tesauri, e interpretato dagli attori della compagnia (Filippo Bedeschi, Fabrizio Careddu, Valeria Barreca, Carolina Migli Bateson, Alessandro Calabrò, Eva Martucci e altri); seguirà, il 23 ottobre, Zombitudine, di e con Elvira Frosini e Daniele Timpano, quindi, l’11 Novembre, la seconda produzione stagionale di NoveTeatro: Rosencrantz e Guildenstern, dall’Amleto shakespeariano, adattamento e regia di Domenico Ammendola,interpretato dai colleghi della compagnia; sarà poi la volta, il 3 dicembre, di “La rivoluzione e’ facile se sai con chi farla”, con il gruppo bolognese “Kepler 452”, regia e drammaturgia Nicola Borghesi. L’anno nuovo si aprirà con due repliche, il 21 e 22 Gennaio, di Crisi – la pratica è perfetta, da un racconto di Stefano Pesce: lo stesso attore – noto al pubblico televisivo per le numerose interpretazioni e a quello cinematografico quale protagonista, fra gli altri, di ”Da zero a dieci” di Ligabue – ne sarà interprete con Diego Ribon, altro volto familiare agli spettatori della tv; regia di Gabriele Tesauri. L’11 Febbraio, nelle settimane in cui viene ricordata la battaglia di Fabbrico, andrà invece in scena “Kaddish per il bambino non nato”, dello scrittore e drammaturgo ebreo Imre Kertesz, sopravvissuto ai lager nazisti e scomparso pochi mesi fa: sarà l’occasione per apprezzare un ottimo interprete come Ruggero Cara, che firma anche la regia insieme con Vincenzo Todesco. Altro grande attore l’11 Marzo, quando Eugenio Allegri riproporrà “Novecento” di Alessandro Baricco, monologo dal successo planetario, portato sul grande schermo da Tornatore con il titolo “La leggenda del pianista sull’oceano”, che non ha avuto meno fortuna sulle scene: al “Pedrazzoli” viene ripreso infatti il primo, acclamatissimo allestimento, firmato da GabrieleVacis nel 1994 e incarnato dallo stesso Allegri, il quale da allora lo ripropone periodicamente con uguale riscontro. Infine, il 1° Aprile, il sipario sulla stagione calerà con il sorriso e le risate procurati da Vito, mattatore in “Storie della Bassa” di Maurizio Garuti.

« Oltre al cartellone di prosa – precisa Carlotta Ghizzoni, presidente di NoveTeatro – nella stagione di Fabbrico abbiamo previsto, alla domenica, teatro per ragazzi, proiezioni cinematografiche e aperitivi concerto; fra le proposte formative attiveremo corsi di recitazione e daremo continuità alla locale scuola di danza».

Qui il link de L’altra stagione (musicale e ragazzi)

La campagna abbonamenti va dal 10 al 24 settembre: la biglietteria sarà aperta il martedì e venerdì dalle 18 alle 20, il giovedì e sabato dalle 10 alle 12.

Per informazioni: su costi e modalità di sottoscrizione: tel. 0522667062 – info@teatropedrazzoli.com  www.teatropedrazzoli.com